in ,

Un Crocifisso stile Bauhaus la nuova opera della designer orafa Giovanna Iervolino

A Peschici sulle orme di Alfredo Bortoluzzi…

PESCHICI (FG) – Il Laboratorio “Le GIOJE del Gargano” di Peschici, in occasione delle feste pasquali, presenta un nuovo gioiello: un Crocifisso ispirato al Trittico della  Crocifissione di Alfredo Bortoluzzi.

A crearlo è la designer orafa Maria Giovanna Iervolino che in un video, sulle note del  “Miserere” delle confraternite di Peschici, descrive l’iter dell’artista italo-tedesco ispiratore del suo lavoro:

« Alfredo Bortoluzzi, artista contemporaneo formatosi al Bauhaus antinazista, visse l’orrore del lager durante la Guerra mondiale.  Un velo di malinconia attraversa le sue opere,  pennellate cupe interrotte sporadicamente da violenti colpi di luce. Le sue GIOJE improvvise! Nel 1953 sarà folgorato dai colori di Peschici dove scoprirà una spiritualità solare, protesa al mondo greco. Affascinato dalle case del borgo, ne percepì lo stile orientale e il movimento delle cupole, simile alle onde del mare. Da tanta bellezza trasse linfa vitale d’ispirazione per le sue opere presenti nella Chiesa di S. Elia Profeta, tra cui una toccante Via Crucis. Nel 1981 per onorare la memoria dei genitori, donerà a Peschici il trittico della Crocifissione. Anche in questo capolavoro, la luce inonda la parte centrale:   c’è Cristo sulla croce, segno di salvezza, vita e LUCE!».

Un Cristo che GioJe ha “illuminato” con una lavorazione in argento, con supporti in materiali diversi.

La designer Giovanna Iervolino è nata a Peschici nel 1970. A Pescara ha conseguito la Laurea magistrale in economia e commercio, con una tesi sugli “Aspetti economici geografici del settore orafo partenopeo“. A Caserta ha frequentato la scuola orafa del “Tarì”, il complesso polifunzionale del Sud Italia più importante del settore. Ha seguito corsi in oreficeria, incastonatura, gemmologia, disegno e storia del gioiello, riconosciuti a livello europeo.  Nel 2002 ha avviato la sua esperienza imprenditoriale presso l’azienda di famiglia, ma nel 2021 si è messa in proprio,  aprendo il laboratorio “GioJe del Gargano” dove GioJe è il logo con le sue iniziali. In questa piccola realtà, stanno prendendo forma tutte le creazioni di Giovanna Iervolino che parlano del suo territorio. Filo conduttore  è l’aspetto religioso, frutto della sua educazione familiare profondamente cattolica. 

Teresa Maria Rauzino 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa ne pensi?

Cresce l’attesa per Franco Ricciardi, in concerto a Cagnano Varano per la festa patronale

Nuovamente operativo l’ufficio postale delle Isole Tremiti