in

Casa Sollievo: tornano in presenza i Corsi di accompagnamento alla nascita

Dopo quasi due anni di sospensione causata dalla pandemia tornano a svolgersi in presenza i Corsi di accompagnamento alla nascita dedicati alle future mamme.

Organizzati dagli specialisti dell’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia di Casa Sollievo della Sofferenza, gli incontri pre-parto sono uno strumento per la promozione attiva della salute materna e neonatale.

Le gestanti saranno guidate per l’intero percorso da un’ostetrica, che sarà l’operatore sanitario di riferimento. A lei si affiancheranno di volta in volta altre figure specialiste (ginecologo, neonatologo e personale di neonatologia, psicologa, neuropsichiatra infantile e anestesista) affinché la donna possa prepararsi nel modo migliore per affrontare il parto e assistere il suo bambino.

La frequenza del Corso è consigliata nel terzo trimestre gestazionale e comprende 10 lezioni. Il Corso offrirà alle gestanti consigli sulla gestione della gravidanza e del parto, strumenti ed esercizi necessari per il travaglio, informazioni sull’allattamento…

Si potrà accedere al Corso previa impegnativa[1] – prescritta dal proprio medico curante o dal proprio ginecologo – da registrare regolarmente alle casse ticket.

È possibile prenotarsi o chiedere maggiori informazioni chiamando il numero 0882 410698 (Punto Nascita).

Nel totale rispetto delle norme anticontagio, attualmente gli incontri possono essere frequentati solo ed esclusivamente dalle gestanti (accompagnatori e futuri papà non potranno quindi essere presenti), che potranno afferire dopo aver esibito regolare Green Pass.

[1] Dopo aver eseguito l’ecografia morfologica, il medico curante o il ginecologo richiederà per la paziente il “Training prenatale” riportando sull’impegnativa il codice 93.37

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa ne pensi?

Peschici cerca talenti per la quinta edizione di “Tu sci che val”

Parco del Gargano, nuovi sostegni agli allevatori per la conservazione della biodiversità