in ,

LoveLove

Festival Carpino in Folk 2023: ecco gli eventi e gli ospiti in programma

R-E-S-T-A-R-E: questo il tema del Festival Carpino in Folk 2023, in programma a Carpino dal 7 al 10 agosto.
Restare per cambiare e rigenerare, non per sopravvivere.
Restare per prendersi Cura di quelle verità drammatiche che vorremmo invece tacere, nascondere e rifiutare in ogni modo – imboccando, dunque, l’unica via possibile verso l’evoluzione e la permanenza delle nostre realtà locali.
Restare inteso come espressione d’amore nei confronti delle persone, dei rapporti, degli affetti.
Restare per non perdere, ma al contrario preservare e reclamare, una parte di sé presente nel territorio – nelle sue tradizioni e melodie.
L’Edizione del Carpino in Folk del 2023 è dedicata al Restare, alla musica come strumento di cambiamento in un particolare momento storico dove molti giovani scelgono di ritornare alle proprie radici ed esserne custodi.
Siamo lieti di presentarvi, di seguito, il programma dell’edizione 2023.


fonte image: Festival Carpino in Folk

Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti. Così citava nel suo testo “La luna e i falò” Cesare Pavese.

Al diritto di emigrare corrisponde il diritto di rimanere, edificando un altro ruolo di se stessi. RestaRE significa sentirsi ancorati e insieme spaesati in luogo da proteggere e nel contempo da rigenerare continuamente.

Il Restare come forma inerziale di nostalgia regressiva, non è un invito all’immobilismo, ma è solo il tentativo di problematizzare e storicizzare le immagini-pensiero del rimanere come nucleo fondativo di nuovi progetti, di nuove aspirazioni, di nuove rivendicazioni.

E i luoghi richiedono amore vero, quello che nasce da una salvifica schiettezza, quello che mette a nudo bellezze e bruttezze per esaltare la profonda complessità del reale. I paesi non si rigenerarono con gli slogan ma con la Cura. Cura dei luoghi significa anche farsi carico delle verità drammatiche, quelle che tutti vorremmo tacere o edulcorare, nascondere o rifiutare in ogni modo. L’avere cura è un paradigma etico, morale, estetico. Cura significa avere attenzione per le persone, per i rapporti, per i legami. La cura ha una visioneglobale del corpo, del corpo-paese, del corpo-comunità e dell’alterità che al corpo si accosta.

L’Edizione del Carpino in Folk del 2023 è dedicata al Restare, la musica come concetto di cambiamento in un particolare momento storico dove molti giovani scelgono di ritornare per migliorare la Cura dei luoghi per rimanere e viverci.

La musica che unisce i Popoli e non li divide. Una vecchia canzone popolare ucraina che è un inno d’amore così cita: «I nostri nemici dormono, stanchi della guerra, non saremo allarmati dalle loro risate. Dobbiamo noi, derubati dal nostro destino inondare d’amore il loro sonno, – è forse peccato?»
“Restare” è dedicata a tutti i giovani ucraini che hanno deciso di tornare per difendere un diritto offeso.

Il Direttore Artistico – M° Antonio Pizzarelli


PROGRAMMA EDIZIONE 2023

7 AGOSTO – Largo San Nicola – Carpino

  • Dalle 21:00 – Presentazioni letterarie, documentari, workshop.
  • Dalle 22:30 – Donnë che sta’ ‘ffacciatë a ‘ssa fënèstrë / La serenata d’amore nel Gargano.
    Concerti della tradizione con I Cantori di San Giovanni Rotondo, I Cantori di Carpino, Tarant Folk, Giuseppe e Marco Di Mauro, Le Indie di Quaggiù.

8 AGOSTO – Piazza del Popolo – dalle 21:30

  • Laboratori di:
    – Tarantella del Gargano, a cura di Rosario Nido;
    – Chitarra Battente, a cura di Andrea Resce.
  • Opening Act: TITTOMË CHI SONÄ E CANTÄ NO NMÓRË MAJÏ AFRICA UNITE DJ FARRAPO

9 AGOSTO – Piazza del Popolo – dalle 21:30

  • BANDAKADABRA
  • ROY PACI & ARETUSKA
  • ACCIPITER – Festival dell’amicizia

10 AGOSTO – Piazza del Popolo – dalle 21:30

  • X DARAWISH
  • ANTONIO CASTRIGNANÒ
  • I CANTORI DI CARPINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa ne pensi?

La foca monaca ritorna sul Gargano: evento storico e di speranza

Emergenza nel Lago di Varano: tra cooperative chiuse e acque in ritirata